Алексaндр Сергeевич Пyшкин

In data ventuno ottobre duemila diciannove l’Istituto Marcelline di Bolzano ha organizzato una giornata dedicata al celebre poeta e scrittore russo Aleksandr Sergeevič Puškin.

 

Nato a Mosca il 26 maggio del 1799, Puškin è, per eccellenza, il creatore della lingua letteraria russa moderna. Le sue opere, tra le migliori del Romanticismo russo, hanno ispirato numerosi scrittori e artisti di quell’epoca. E proprio a lui, lo scorso 21 ottobre, è stata dedicata una giornata presso l’Istituto Marcelline di Bolzano. Da più di dieci anni, infatti, gli allievi delle Marcelline studiano la complessa, ma appassionante, lingua russa.

Si tende a sottovalutare l’aspetto culturale di una lingua ma, nella nostra scuola, ciò non accade, poiché la passione trasmessa dai docenti nell’insegnamento suscita in noi alunni il desiderio di apprendere nuove nozioni relative al patrimonio culturale relativo alle lingue che studiamo. È importante rendersi conto che una lingua non è fatta unicamente di suoni, regole grammaticali e modi di dire, ma presuppone una storia, uno stile di vita, una cultura, che vanno indubbiamente apprese e approfondite al fine di poter comprendere meglio anche i fenomeni linguistici.

In tale prospettiva è stata progettata e realizzata la giornata dedicata a Puškin. Essa è iniziata con una conferenza della linguista Anna Golbman, che ha toccato vari punti della vita del poeta, alcuni dei quali hanno suscitato maggiormente il nostro interesse: l’importante ruolo della la bambinaia Arina Radionovna, i contenuti delle opere principali, il rapporto con amici e scrittori contemporanei, il duello con George Dantes, la vita sentimentale. Per arricchire la conferenza, alcune classi dell’istituto hanno deciso di preparare momenti di intrattenimento quali: un balletto tipico delle sale ottocentesche russe, la lettura di una poesia d’amore di A.S. Puškin tradotta nelle sette lingue studiate e, a coronare la nostra assemblea, una canzone dedicata al liceo di Carskoe Selo di Puškin. Al termine della giornata, sono stati raccolti diversi pareri sia del corpo docente sia degli studenti e, da entrambe le parti, i commenti sono stati più che positivi. Ogni partecipante ha trovato emozionante e di grande impatto assistere a quest’incontro ambientato nella Russia di più di duecento anni fa. È stato richiesto, visto il successo dell’iniziativa, di poterla ripetere e di estenderla ad un pubblico più vasto. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato, la nostra professoressa di russo Olena Stakheieva e la nostra ospite Anna Golbman per aver reso possibile questa bella ed arricchente esperienza. 

Giulia Mazzeo & Ginevra Mottini 
 
 

Guarda la Photogallery!

Clicca QUI per vedere la poesia d’amore di A.S. Puškin tradotta nelle sette lingue studiate a scuola!

Clicca QUI e QUI per vedere alcuni momenti dello spettacolo!

 
Back to Top